venerdì 30 luglio 2010

rosso donna rosso uomo






















che forza che movimento che tensione, un esplosione di colore rosso che immenso nel cielo di un mondo ci colpisce.
il mondo una società gli uomini, esseri umani alla ricerca di una felicità, di un sorriso, di un momento , forse anche di una tranquillità, perduta.
società che ci assale, esseri umani arrivati al capolinea, un treno in corsa che non è frenato, accellera sempre di più forse fino a schiantarsi, quel rosso esplosione di un movimento, senza un riconoscimento, quel viso nascosto, quella maschera, tipica di questa società.
la nostra costruzione di un corpo che non è una bambola ma nemmeno un corpo vero...
cosa è l'introduzione di un modello?
è una costruzione di un qualcosa che non esiste, non è un essere umano, è un movimento irrazionale.
questo non vogliamo, la irrazionalità del corpo come modello, nasce l'esplosione e nasce dalla testa, da quel volto che non esiste forse è solo apparenza, forse è un dettaglio.
mi sconvolge e ci sconvolge, questa irrazionalità, uomo donna essere che vive ...oggi.
vive perche?
vive perchè esiste il pensiero, un pensiero irascibile, violento e nascosto.
conturbante e invisibile.
accostamenti sensuali, decisione irruenta...la forza
forza=rosso=violenza

VI FO RO è un termine che nasce dal movimento di un gesto invisibile, un turbine he guarda e si concentra su quella forza che è l'uomo essere umano

en english

that force movement that tension, a huge explosion of red color in the sky of a world affects us. world society for men, human beings in search of happiness, a smile, a moment, perhaps a quiet, lost. companies that assails us, human beings come to an end, a train that is not curbed, accelerates more and more perhaps to crash, that red explosion of a movement, without a recognition, her face hidden, that form, typical of this society. our construction of a body that is not a doll but not a real body ... What is the introduction of a model? is a construction of something that does not exist, is not a human being, is an irrational movement. We do not want the irrationality of the body as a model, there is the explosion comes from the head, from the face that there is perhaps only an appearance, perhaps a detail. disturbs me and upsets us, this irrationality, man ... woman to be living today. why live? lives because there is thought, a thought irascible, violent and hidden. disturbing and invisible. combinations sensual, impetuous decision ... the power red = power = violence

VI FO RO is a term that comes from the movement of a gesture invisible, he looks a whirlwind and focuses on the strength that man is a human being

en espanol

que el movimiento de fuerza que la tensión, una gran explosión de color rojo en el cielo de un mundo nos afecta. sociedad mundial para los hombres, los seres humanos en busca de la felicidad, una sonrisa, un momento, tal vez un lugar tranquilo, perdido. empresas que nos asalta, los seres humanos llegar a su fin, un tren que no se combate, se acelera más y tal vez más que choque, esa explosión de color rojo de un movimiento, sin un reconocimiento, con el rostro oculto, que se forman, típico de esta la sociedad. nuestra construcción de un cuerpo que no es una muñeca, pero no un cuerpo real ... ¿Cuál es la introducción de un modelo? es una construcción de algo que no existe, no es un ser humano, es un movimiento irracional. No queremos que la irracionalidad del cuerpo como un modelo, no es la explosión viene de la cabeza, desde la cara que no es tal vez sólo aparente, tal vez un detalle. me molesta y nos perturba, la irracionalidad esto, el hombre ... la mujer que viven en la actualidad. ¿por qué vivir? vidas porque no hay pensamiento, un pensamiento irascible, violento y escondido. inquietante e invisible. combinaciones sensuales, decisión impetuosa ... el poder rojo = = potencia la violencia

VI FO RO es un término que proviene del movimiento de un gesto invisible, que parece un torbellino y se centra en la fuerza que el hombre es un ser humano


digitalart KRYSIA GONZALEZ
painting MAURIZIO BARRACO

passo irrazionale sulla costruzione del corpo, anno 2010