giovedì 19 agosto 2010

soddisfazione e piacere























la soddisfazione è un senso interno, frutto del calcolo tra la somma dei piaceri meno il dolore che, al pari della coscienza cartesiana, rimane privo di relazioni con gli oggetti del mondo, gli uomini hanno in comune non è il mondo ma l'identità della loro natura affetta da pena e piacere.

Arendt, citando Hume

tiene a sottolineare come il principio di ogni edonismo non sia il piacere ma l'assenza del dolore che è il suo fine ultimo.
Qui, come in altre occasioni, scrive:
solo il dolore, solamente chi soffre non sente realmente altro che se stesso; il piacere non si compiace di se stesso ma di qualcosa che è oltre sé; il dolore è la sola sensazione interiore, trovata nell'introspezione, che possa rivaleggiare in indipendenza da esperienze esterne con la certezza immediata della logica e del ragionamento aritmetico.

dalla serie violeta di maurizio barraco

costruzione di un corpo.