venerdì 29 maggio 2009

SGUARDI INNOCENTI




Sguardi disegnati, appoggiati, vicini e poi distanti. Distrattamente pronunciati o solo immaginati. Lo sguardo rincorre, percorre ritorna e poi rifugge. Sguardo sognato, immaginato...costruito e poi smontato. Ci penso, ripenso...guardando, respirando...mi fermo, mi ascolto...mi immergo nelllo sguardo. Decido e mi arrendo...è lo sguardo che pretendo.
(CATIA AMODIO 2009)